Acoustic theory and laws - Studio di Architettura e Design Gioserio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Acoustic theory and laws

Jobs > acoustic environment
Il suono e l'ambiente
Occorre considerare che la popolazione non ritiene, in genere, un problema grave l'inquinamento acustico. Ci sono addirittura fastidi per i costi necessari alla riduzione di questo inquinamento. Per questo, poche risorse vengono stanziate per questo inquinamento, rispetto ad altri fattori di rischio, obiettivamente maggiori, per la popolazione.
Gli Stati europei si propongono di ridurre ogni rumore molesto; per raggiungere questo risultato si riducono gradualmente i rumori prodotti da ogni nuovo veicolo, lavoro di costruzione, o fabbrica e si limitano anche le ore della giornata in cui questi rumori sono consentiti.
Per ridurre l'impatto acustico delle nuove infrastrutture dell'alta velocità ferroviaria, che spesso interessano aree a diffusa urbanizzazione, il Ministero dell'ambiente ha prescritto ulteriori importanti sforzi per il miglioramento del materiale rotabile e per la ricerca di idonei ed innovativi sistemi di protezione dei ricettori sensibili.
Finalmente nell'ottobre 1995 è stata approvata la Legge quadro sull'inquinamento acustico (L.447/95). Con regolamenti settoriali, è stato disciplinato l'inquinamento acustico derivante da traffico aereo, ferroviario, marittimo e veicolare. Le Regioni hanno definito i criteri per la zonizzazione acustica del territorio comunale e per la predisposizione dei piani di risanamento L.R. n. 18/2001; le Province devono svolgere il controllo e la vigilanza; i Comuni devono essere i titolari della zonizzazione acustica e dell'adozione dei piani di risanamento.

Lo stress da rumore
Lo stress indotto da fattori esterni all'ambiente di lavoro può comportare cambiamenti nel comportamento e una riduzione dell'efficienza sul lavoro. Qualunque manifestazione di stress sul lavoro non va considerata indicativa di uno stress associato al lavoro. Lo stress da lavoro può essere causato da vari fattori quali il contenuto e l'organizzazione del lavoro, l'ambiente di lavoro, una comunicazione di cattiva qualità. La tabella seguente rappresenta la conferma di quanto testè affermato, con riferimento alla normale tollerabilità al fastidio ed al rischio di danno tecnopatico.

Cosa fare in caso di rumore
Il cittadino, in presenza di un disturbo derivante da elevati livelli di rumorositagrave; puograve; ricorrere alle prescrizioni del codice civile e del codice penale e in particolare ai seguenti articoli:
Art. 844 del Codice Civile che regola i rapporti tra proprietari di fondi vicini in relazione al problema delle immissioni;
Art. 659 del Codice Penale che punisce sia chi disturba il riposo o le occupazioni delle persone mediante schiamazzi o rumori o abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche o mediante strepiti di animali, sia chi provoca detti disturbi esercitando una professione o un mestiere rumoroso;
Si ricorda che i comportamenti umani rumorosi non connessi ad attivitagrave; commerciali, professionali, produttive sono contemplati dall'art. 659 del Codice Penale (disturbo alla quiete e al riposo delle persone); in questi casi non egrave; possibile avviare un procedimento amministrativo dato che le misurazioni fonometriche necessarie sono espressamente escluse dalla normativa.

Riferimenti normativi
Legge 26 ottobre 1995, n. 447
Legge quadro sull'inquinamento acustico

D.P.C.M. 14 novembre 1997
Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore

D.P.C.M. 1° marzo 1991
Limiti di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell'ambiente esterno

Decreto 16 marzo 1998
Tecniche di rilevamento e di misurazione dell'inquinamento acustico

Decreto 11 dicembre 1996
Applicazione del criterio differenziale per gli impianti a ciclo produttivo continuo

Infrastrutture per il trasporto

Decreto 31 ottobre 1997
Metodologia di misura del rumore aeroportuale.

D.P.R. 11 dicembre 1997
Regolamento recante norme per la riduzione dell?inquinamento acustico prodotto dagli aeromobili civili

D.P.R. 18 novembre 1998, n. 459
Regolamento recante norme di esecuzione dell'articolo 11 della legge 26 ottobre 1995, n. 447, in materia di inquinamento acustico derivante da traffico ferroviario

Decreto 20 maggio 1999
Criteri per la progettazione dei sistemi di monitoraggio per il controllo dei livelli di inquinamento acustico in prossimitagrave; negli aeroporti nonch?riteri per la classificazione degli aeroporti in relazione al livello di inquinamento acustico

Decreto 9 novembre 1999, n. 476
Regolamento recante modificazioni al decreto del Presidente della Repubblica 11 dicembre 1997, n.496, concernente il divieto di voli notturni in vigore dal: 18-12-1999

Decreto 3 dicembre 1999
Procedure antirumore e zone di rispetto negli aeroporti

D.P.R. del 30 marzo 2004 n.142
Limiti acustici al rumore prodotto solo dalle infrastrutture stradali di progetto, strade esistenti e assimililabili

Sale danzanti
D.P.C.M. 16 aprile 1999
Regolamento recante norme per la determinazione dei requisiti acustici delle sorgenti sonore nei luoghi di intrattenimento danzante e di pubblico spettacolo e nei pubblici esercizi.

Edilizia
D.P.C.M. 5 dicembre 1997
Determinazione dei requisiti acustici degli edifici

Tecnico competentre in acustica
D.P.C.M. 31 marzo 1998
Atto di indirizzo e coordinamento recante criteri generali per l'esercizio dell'attività del tecnico competente in acustica, ai sensi dell'articolo 3, comma 1, lettera b), e dell'articolo 2, commi 6,7 e 8, della legge 26 ottobre 1995, n. 447 "Legge quadro sull'inquinamento acustico"

Ambienti di lavoro
D.Lgs. 81/08
Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al rumore durante il lavoro

Codice penale e civile
art. 659 C.P.
art. 844 C.C.
 
Architetto Claudio Gioserio in Pomezia, IT su Houzz
Copyright 2017. All rights reserved.
Architeture and Design Gioserio
Via Mar Libico, 35
00071 Pomezia (Rome) Italy
info@gioserio.it
Torna ai contenuti | Torna al menu